Rossella A

Ci sono storie che non sono raccontate in un libro che abbiamo consumato rapidamente tra i banchi di scuola nel timore di una interrogazione improvvisa.
Ci sono storie che la mente di un fervido romanziere, vincitore di illustri premi, non riesce a cogliere del tutto.
Ci sono storie lette, certo emozionanti, ma che sfiorano appena la realtà e col tempo le abbiamo abbandonate in uno scaffale della libreria.

E poi ci sono storie.. storie vissute che a volte abbiamo ascoltato con distrazione o addirittura dimenticato di ascoltare.

Queste storie non raccontano di grandi imprese o di valorosi guerrieri e amori struggenti, ma di un quotidiano che respira realtà, una realtà che conosciamo appena.
Eppure grazie a quella realtà abbiamo dei valori che rendono unica la nostra personalità. Andare contro quei valori significa rischiare di perdere la nostra identità… rinunciare alla nostra storia e trovarsi a vacillare quando invece si chiede di restare saldi.

Ma conosciamo realmente la nostra storia?
O eravamo già di corsa, troppo lontani, quando un nonno o un padre si fermavano a raccontare quella solita storia dei loro tempi?

Purtroppo di questa mancanza ci rendiamo conto troppo tardi e per quanto cerchiamo nei ricordi di bambino quelle storie che ascoltavamo seduti sulle ginocchia di chi teneva saldamente la nostra piccola mano… ci sono parole che mancano, dettagli che sfumano…
Affannati cerchiamo qualcosa che non c’è più quando la debolezza ci coglie e ci rendiamo conto che per scegliere e andare avanti sarebbe più semplice non dimenticare chi siamo e quello in cui crediamo… quello in cui hanno creduto chi, guardando l’orizzonte, sceglieva di sollevarsi da una realtà troppo dura… per mettere nelle nostre mani uno scrigno di valori.


Ci sono storie già scritte, ma ci sono ancora tante storie da scrivere… o semplicemente da raccontare e ascoltare. 

Grazie a tutti coloro che non hanno mai smesso di raccontare...


Se tracci col gesso una riga sul pavimento, è altrettanto difficile camminarci sopra che avanzare sulla più sottile delle funi. Eppure chiunque ci riesce tranquillamente perché non è pericoloso. Se fai finta che la fune non è altro che un disegno fatto col gesso e l'aria intorno è il pavimento, riesci a procedere sicuro su tutte le funi. Ciò che conta è tutto dentro di noi; fuori nessuno può aiutarci. Non essere in guerra con te stesso: così... tutto diventa possibile, non solo camminare su una fune, ma anche volare. 
(Herman Hesse)

39 commenti :

  1. Hai perfettamente ragione, tante storie non vogliamo ascoltarle e poi ci rendiamo di ciò che abbiamo perso troppo tardi... sai io credo che studiare storia come a scuola sia uno spreco di tempo, c'interrogano senza darci un minimo d'emozione per quello che c'insegnano e così ci perdiamo delle storie incredibili. Alcune volte penso come ho "studiato" in terza media per l'esame i fascisti e la seconda guerra mondiale... come doveva essere viverla non mi era passato neanche per la testa, ora invece provo ad immaginare di essere in guerra, provo ad immaginarmi mentre vado a prendere le razioni e penso: "che periodo terribile e affascinante e nessuno me lo insegna come vorrei, solo i romanzi ci riescono" :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo non sempre gli insegnanti di scuola riescono a coinvolgere però di per sè la materia è affascinante... approfondire con quei racconti del quotidiano è compito nostro...si tratta semplicemente di ascoltare...
      Un abbraccio

      Elimina
  2. Sono quelle non ascoltate, anche se le nostre orecchie le hanno sentite oppure se i nostri occhi le hanno lette.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ascoltare e sentire sono due verbi tanto simili, quanto differenti... un saluto Ambra

      Elimina
  3. Spesso ci si distrae lasciando cadere al suolo i doni di chi ce li concede.. poi ad un tratto ci fermiamo e ci rammentiamo della loro mancanza... le storie degli uomini sono granelli di sabbia dorata.. piccoli ma preziosi... Ogniuno racconta costantemente all'altro qualcosa.. ogniuno può imparare qualcosa.. prima di tutto.. ad ascoltare.. Infondo ciò che siamo e facciamo, anche se involontariamente e in piccola parte, è la somma di coloro che abbiamo incontrato e in qualche modo, qualcosa hanno comunicato... Tesori.. che nascono da tesori.. rigenerazione di ricchezza.. che spero si conservi, trovi un posto nuovo ove risiedere e sedimentarsi, ridando nuova lucentezza a chi ne necessita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se oggi siamo quello che siamo, fieri di essere tali oppure no, io lo credo lo dobbiamo a chi ha incrociato - nel bene o nel male - la nostra strada aiutandoci a definire una direzione che passo dopo passo solchiamo...lungo quella strada chiamata vita.
      Grazie della tua riflessione Marril

      Elimina
  4. Ho un rammarico, Blumoon. Non avere insistito con mio papà che ci raccontasse cosa succedeva quando c'era la guerra. Ci ha raccontato qualche episodio divertente, ma non alcuni fatti accaduti in quegli anni. Forse era troppo doloroso per lui e era giusto così, ma crescendo ho avuto la sensazione di aver perso un pezzettino della "nostra" storia, quella che si costruisce giorno per giorno, ereditata da chi ci ha preceduti e modellata dai tanti incontri che si fanno nella vita e che in qualche modo ci fanno scegliere il sentiero da prendere ogni volta che giungiamo a un bivio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alice hai colto esattamente da dove prende spunto questo post che ho scritto... da quella mancanza che col senno di poi vorremmo colmare, ma non è più possibile del tutto... e mi sono chiesta se quella mancanza ha in qualche modo influito sulle scelte fatte... sinceramente questo continuo a non saperlo, ma comprendo un pò di più l'importanza di chi ha da raccontare e ancor di più l'importanza di ascoltare... Un abbraccio

      Elimina
  5. Mi hai fatto venire voglia di scrivere di nuovo..di raccontare le storie che ho dentro di me. Grazie per questo splendido post.
    A presto...Sibilla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te della visita Sibilla... e continua ancora a raccontare perchè c'è un grande bisogno nella vita di raccontare, ma soprattutto ascoltare...

      Elimina
  6. C'è un premio per voi sul nostro blog! ;)
    http://wwwthelibraryofdreams.blogspot.it/2012/05/ancora-premi-xd.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah si? grazie di aver pensato a noi :-)
      veniamo a vedere...

      Elimina
  7. Troppo spesso ho ascoltato distrattamente le storie di cui parli e nella mia memoria ci sono solo piccoli frammenti di vite vissute.
    Spero in un futuro di riuscire almeno a raccontarle "tenendo saldamente una piccola mano".
    Bellissimo post.
    Un bacio.
    Miky

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io te lo auguro Miky, ti auguro di raccontare... perchè comunicare è qualcosa di bello...e quando qualcuno si tapperà le orecchie bisognerà continuare a raccontare ugualmente consapevoli che qualcosa giungerà sempre a sfiorare la sua anima e chissà... un giorno forse ci ringrazierà.
      Un abbraccio

      Elimina
    2. Grazie per il bellissimo commento che hai lasciato nel mio post. Mi sono aggiunta anche io a tuoi followers, il tuo blog è una bella scoperta.
      Un carissimo abbraccio.
      Miky

      Elimina
  8. Hai scritto un bellissimo post...ci sono storie che mi mancano,
    storie a metà, storie dove a causa della mia distrazione ora vorrei ricordare ma non riesco...menomale che come dici tu ci sono ancora storie da scrivere che chissà, forse un giorno racconteremo ai nostri figli...
    complimenti per il tuo motto,io cerco di adottarlo ogni giorno...
    Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Betty, purtroppo non sei la sola vittima della distrazione e che spesso pensiamo di avere tempo per fare ciò che oggi abbiamo lasciato perchè pensavamo fosse uno spreco di tempo, ma questo "tempo" ci fa la linguaccia e ne se va... però c'è ancora una speranza per il futuro, come dici tu la vita è una strada, penso anche io sia così, e possiamo ancora lasciare germogli lungo il nostro cammino.
      Buona giornata anche a te... un sorriso :-)

      Elimina
  9. Ogni giorno ci sono storie nuove!! Felice giornata...ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. concordo con te Giancarlo... un augurio di serena giornata anche a te :-)

      Elimina
  10. Grazie di essere passata da me e del tuo commento! Mi sono aggiunta come tua Follower, così non ci perdiamo di vista!! Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Girovaga... sarei passata da te proprio stasera per vedere la risposta... a presto!Un abbraccio

      Elimina
  11. È vero, quelle storie che da bambini ci sembravano prive di senso o persino noiose.. sarebbe così bello poterle riascoltare adesso!
    Un saluto e una buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solo crescendo ci rendiamo conto di quel valore... e di quanto ci mancano.
      :-)

      Elimina
  12. Le nostre storie rimangono nella nostra mente (quelle che vogliamo ricordare)e le nuove e attuali ce le racconteranno i nostri figli.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma è compito nostro anche tramandarle... Ciao Jesino a presto!

      Elimina
  13. Ciao Blumoon, mi piace in tuo blog....lo trovo interessante e quindi mi unisco ai tuoi follower e porto il tuo banner da me. Se vuoi conoscermi passa a trovarmi
    Ciao, Simo
    http://valzerdiemozioni.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simo... grazie, mi fa molto piacere la tua visita e passerò con altrettanto piacere da te... :-)

      Elimina
  14. meravigliose parole tesoro.. meravigliosa sei tu.. grazie per la serenità che trasmetti con i tuoi racconti.. ti abbraccio fortissimo!

    p.s. hai voglia di incontrarci?! vieni da me così scopri di più:
    http://missvalerie29.blogspot.it/2012/05/avete-voglia-di-venirmi-trovare.html#comment-form

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie delle tue parole MissValerie...ricambio il tuo forte abbraccio

      Elimina
  15. Qui le scosse non ci danno tregua, ti mando un abbraccio tremolante...ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giancarlo... quindi sei di quelle zone, spero che la situazione si assenti quanto prima... Un abbraccio di sostegno

      Elimina
  16. ciao sono passata per augurarti una buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simo... ti ringrazio e ricambio... un abbraccio

      Elimina
  17. :)
    Un saluto veloce.. del tipo: "Ciao, sono ancora vivo!!"

    Un abbraccio - Ghemenz-

    RispondiElimina
  18. Bello ciò che dici cara..spesso le storie della nostra famiglia ci sembrano banali..invece non è così, bisogna solo riviverle con il ricordo, a volte doloroso di chi non c'è più. Forse per questo non ci pensiamo e le lasciamo perdere nell'oblio del tempo.
    Bacioni a te :)

    RispondiElimina
  19. Un saluto anche a te Ghemenz sperando di rivederti in questo piccolo angolo.
    Simo..scusa il ritardo, ma grazie del tuo augurio. Un bacione.
    Saray, a volte non vogliamo prendere consapevolezza del tempo che passa...rimandiamo, mentre invece ogni cosa va vissuta, ascoltata, tramandata...un abbraccio

    RispondiElimina
  20. Mi piace molto il tuo blog...belle parole!!! Ora ti seguo... :-)

    RispondiElimina
  21. Grazie!!! Seguirò anche io il tuo con piacere per ammirare quelle belle foto

    RispondiElimina