Rossella A


Non un'ombra di trasalimento, non un bisbiglio di eccitazione; questo rapporto ha la stessa passione di un rapporto di nibbi reali. Voglio che qualcuno ti travolga, voglio che tu leviti, voglio che tu canti con rapimento e danzi come un derviscio! Voglio che tu abbia una felicità delirante! O almeno non respingerla.
Lo so che ti sembra smielato ma l'amore è passione, ossessione, qualcuno senza cui non vivi. Io ti dico: "Buttati a capofitto! Trovati qualcuno da amare alla follia e che ti ami alla stessa maniera!"
Come trovarlo? Be', dimentica il cervello e ascolta il cuore. Io non sento il tuo cuore. Perché la verità, tesoro, è che non ha senso vivere se manca questo. Fare il viaggio e non innamorarsi profondamente, be', equivale a non vivere. Ma devi tentare perché se non hai tentato non hai mai vissuto.

(tratto da Vi presento Joe Black)

Blumoon_08
*§* Blumoon *§*

9 commenti :

  1. utente anonimo31 maggio 2011 19:20

    "Io ti sfioro e non so quanto sia emozionante
    tu mi guardi e mi chiedi se sono presente
    io penso alla nostra impotenza, ad un gesto d'amore.
    Sì quel senso vitale che un po' si conosce
    qualche cosa di dentro che affiora, che cresce
    la voglia di credere anche ad un gesto d'amore.
    No, non dico l'amore che sappiamo un po' tutti
    no, non dico l'amore che ci capita spesso.
    Per amare io devo conoscere me stesso.

    Camminare in un posto, mangiare qualcosa
    sentire che sei in una stanza.
    Adoprare le mani, toccare un oggetto
    capire la sua consistenza.
    Imparare a sentire il presente
    in un tempo così provvisorio
    esser giusti su un metro di terra
    sentire che il corpo è in perfetto equilibrio.

    Peccato, io non so mangiare
    peccato, io non so dormire
    non so camminare in un prato
    non so neanche amare
    peccato.

    Io ti sfioro e non so quanto sia emozionante
    tu mi guardi e mi chiedi se sono presente
    io penso alla nostra impotenza, ad un gesto d'amore.
    Io ti passo la mano sugli occhi un po' stanchi
    poi mi accosto al tuo viso, al tuo seno, ai tuoi fianchi
    e cresce la voglia di unirci in un gesto d'amore
    no, non dico l'amore che si può anche fare
    ma l'amore..."
    (L'impotenza - G. Gaber)

    Non ho mai capito veramente se le lacrime versate ascoltando questa canzone, siano poi servite a qualcosa, o abbiano almeno avuto uno scopo. Ciò che conta veramente, però, è che arrivi il momento in cui l'amore ti travolge, e che contemporaneamente si rompa l'argine di tutte quelle emozioni che ti fanno sentire ancora vivo. E' il Rinascimento dell'Anima. E prima o poi arriva...credici..!

    RispondiElimina
  2. Ascoltando questa canzone, con la sua sfumatura malinconica che accarezza l'anima, mi vien voglia di credere ancor più ad un gesto d'amore... l'unico che nelle favole è in grado di sconfiggere la strega cattiva, l'unico che è in grado di commuovere anche quando si crede di aver ormai ultimato le lacrime, l'unico che ti fa sorridere e in quel sorriso far cancellare tutta l'amarezza di una vita a volte troppo dura...
    ...Mi piace come lo chiami tu... il rinascimento dell'anima... spero di sentirlo e di riconoscerlo presto dentro di me...
    ...Grazie...

    RispondiElimina
  3. Tesoro!...
    t irispondo solamente oggi, mentre con calma mi immergo nel tuo mondo,
    e ogni volta è un'emozione.
    Adoro "vi presento Joe Black" cosi ricco di significati, cosi profondo, delizioso, magico...travolgente...tempo addietro trovai un video tratto dal film in cui venivano per l appunto dette quelle parole...e quanto mi hann fatto riflettere, pensare...
    e che dire del tuo disegno? Mi stra-piace! sensuale, romantica,delicata ! :D sei un 'artista questo sai che lo penso ormai da tantooo!
    un abbraccio Blumoon :)

    veroxangelgirl

    RispondiElimina
  4. felicità delirante non l'avevo mai sentita ma mi piace come concetto...  

    ciaooo

    RispondiElimina
  5. Già... piace molto anche a me...
    Ciao IvyPhoenix...a presto, un abbraccio!

    RispondiElimina
  6. la "felicità delirante" non la respingerei neanche io...
    basta sapere dove andare ad attingerla di tanto in tanto

    ti abbraccio

    RispondiElimina
  7. 02 Giugno 2011 - 22:21

    Ciao cara amica...
    mi fa sempre un gran piacere quando passi da queste parti...
    Ho rivisto anche io di recente lo stralcio del film dove venivano pronunciate queste parole... che hanno catturato subito l'attenzione dei miei pensieri. E' un bel film...
    Grazie!!!
    Ricambio con affetto il tuo abbraccio

    RispondiElimina
  8. 06 Giugno 2011 - 08:08

    Chissà...forse la chiave è proprio nel non sapere... e quindi sul fatto che dovremmo essere un pò più aperti a lasciarci travolgere dalla meraviglia del mondo...molte volte, invece, siamo "frenati".
    Mi viene in mente un brano di Paulo Coelho che ha come tema l'amore, ma secondo me vale anche per questa "felicità delirante"...d'altronde l'amore non si nutre di felicità?:
    All'ospedale l'amore mi aveva parlato: "Io sono tutto e niente. Sono come il vento: non riesco a entrare dove le porte e le finestre sono chiuse. "
    Io avevo risposto all'amore: "Ma io sono aperto a te! "
    Al che mi aveva detto: "Il vento è fatto d'aria. E anche se nella tua casa c'è aria, tutto è sprangato. I mobili si ricopriranno di polvere, l'umidità finirà per rovinare i quadri e macchiare le pareti. Tu continuerai a respirare, conoscerai una parte di me: ma io non sono una "parte", io sono il "tutto" - e questo non potrai mai conoscerlo.
    Ricambio il tuo abbraccio...a presto!

    RispondiElimina