Rossella A
Voglio che tu sappia
Una cosa.
Tu sai com’è questa cosa:
se guardo
la luna di cristallo, il ramo rosso
del lento autunno alla mia finestra,
se tocco
vicino al fuoco
l’impalpabile cenere
o il rugoso corpo della legna,
tutto mi conduce a te,
come se ciò che esiste
aromi, luce, metalli,
fossero piccole navi che vanno
verso le tue isole che m’attendono.

Orbene,
se a poco a poco cessi di amarmi
cesserò d’amarti poco a poco.
"Se d’improvviso
mi dimentichi,
non cercarmi,
chè già ti avrò dimenticata"

Se consideri lungo e pazzo
il vento di bandiere
Che passa per la mia vita
e ti decidi
a lasciarmi sulla riva
del cuore in cui ho le radici,
pensa
che in quel giorno,
in quell’ora,
leverò in alto le braccia
e le mie radici usciranno
a cercare altra terra.

Ma
se ogni giorno,
ogni ora
senti che a me sei destinata
con dolcezza implacabile.
Se ogni giorno sale
alle tue labbra un fiore a cercarmi,
ahi, amor mio, ahi mia,
in me tutto quel fuoco si ripete,
in me nulla si spegne né si dimentica,
il mio amore si nutre del tuo amore, amata,
e finchè tu vivrai starà tra le tue braccia
senza uscire dalle mie.



(Pablo Neruda - Se tu mi dimentichi)

18 commenti :

  1. Molto bella questa poesia di Neruda. Grazie per avermene dato l'opportunità di leggerla.
    Maurizio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te di essere passato...la tua visita qui è sempre un piacere.

      Elimina
  2. Bellissima e per me adatta in questo periodo un po' malinconico. Ely

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ely... già nei periodi maliconichi, le poesie sono un pò come una carezza. Ma spero che il tuo passi presto, un abbraccio

      Elimina
  3. Un fuoco d'amore che ha bisogno del fuoco dell'altro per non morire. Un'immagine splendida, le parole di Neruda sono bellissime, ma mi ha sempre colpito questo amore così egoista, che non sa amare senza chiedere qualcosa in cambio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'amore di per sè possiede un lato egoista... pretende rispetto, fedeltà e anche altro amore per alimentare il proprio fuoco... e stranamente, penso, che coincida con il lato insicuro che alberga in ognuno di noi...
      Ciao Ambra

      Elimina
  4. Onestamente non mi fa impazzire, Neruda è un grande autore, su questo non c'è dubbio, ma questa poesia non mi trasmette molto, leggendola sento le parole che scorrono perfettamente, senza però darmi nessuna emozione... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che più mi piace è ascoltare le diverse senzioni che una poesia può suscitare...anche se sono nulle... :)

      Elimina
  5. Adoro Neruda, insieme a Lorca uno dei mie preferiti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Serena..prendo il tuo commento come un suggerimento, ammetto di non conoscere le poesie di Lorca seppur ne ho sentito parlare... ne leggerò qualcuna...

      Elimina
  6. Che bella che è..!!!
    L'avevo dimenticata, grazie per averla riportata alla luce dei miei ricordi!

    RispondiElimina
  7. Le poesie di Pablo Neruda sono bellissime.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo con te, Jesino... un caro saluto

      Elimina
  8. Ciao, grazie per la visita al mio blog, mi fa piacere passare di qua, le poesie sono una mia grande passione e Pablo Neruda uno dei miei autori preferiti. Mi piace molto la poesia della Merini che hai pubblicato sulla barra laterale.
    Ciao
    Robi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Robi..Grazie a te di aver ricambiato la visita,un caro saluto

      Elimina
  9. Bellissima....è un turbinio di emozioni e sentimenti.
    Buon mercoledì!
    Ciao cara Blumoon:)
    Luci@

    RispondiElimina