Rossella A
Ultimamente di parole su pezzi di carta (digitali o no) ne ho scritte tante.
 
Sensazioni amare che svanivano man mano che mi avvicinavo al punto di fine e cancellarle, strapparle era un po’ come volerle cancellare dai ricordi.
 
Magari fosse così semplice,
ma quanto meno era un modo figurativo di farlo.
 
La luna... una splendida luna piena che si riflette sul mare... mi osserva e accarezza questi nuovi pensieri nel silenzio della notte.
Il ticchettio delle dita delle mani, che battono sulla tastiera, mi sembra quasi una melodia... perfetta per il ritmo che seguono le mie riflessioni, seppur in parte assopite dalla stanchezza. Ma non sempre è un male. Anzi... a volte questa (la stanchezza) permette di rallentare l’andatura e di osservare più attentamente cose che in un caos dinamico sarebbero senz’altro sfuggite. 
 luna2
E mi accorgo che a volte si dà un calcio alla vita, pensando che tutto sia dovuto e poi...improvvisamente, ecco che la “vita” dà un calcio a noi chiedendo che il debito verso di lei venga pagato.
E mi accorgo che a volte la solitudine è amica, ma altre volte è la peggior nemica che esista e che quando dall’altro capo del telefono non c’è nessuno... fa male dentro.
E mi accorgo che a volte alla gente non importa conoscere realmente come stai e allora puoi fingere e mentire senza che nessuno se ne accorga e senza neppure sentirsi in colpa...
 


E mi accorgo che potrei continuare a lungo,
ma racchiudo la parola “fine” in un punto e vado a capo.



 
*§* Blumoon *§*
 
[Nell’attesa di abbandonarmi ad un sonno profondo...]  




 





Fabio Intiso - brano: "sonno profondo"

4 commenti :

  1. Che pensieri malinconici; hai tirato in ballo tante sensazioni, tutte conosciute, che ci mettono alla prova, di tanto in tanto nella vita. La stanchezza, la solitudine, quella netta sensazione che a nessuno importi realmente di noi sono sfide quotidiane da superare con la fiducia ed il sorriso. Sono solo frammenti, fasi della nostra vita che, come tutte le altre, sono destinate a passare.
    Un caro saluto.

    Mr.Loto

    RispondiElimina
  2. penso che questo stato d'animo descritto purtroppo sia comune a molti ... forse è per questo che alla fine, a nessuno interessa come sta il prossimo, siamo troppo concentrati sui nostri problemi per renderci conto della solitudine altrui.  A presto

    Nadir

    RispondiElimina
  3. 27 Agosto 2010 - 18:54


    Ehi! Sveglia cieco.. come un sole buio.. Scanza la nebbia che ti si staglia dinanzi.. e osserva. Attendi.. e osserva. Ogni sguardo, ogni gesto, ogni suono ha un suo perchè.. Ecco il vicino che ti bussa per chiedere (perchè crede che possa aiutarlo e si fida di te)... Ecco chi ti chiama (ha piacere di udire la tua voce o di sapere notizie.. perchè si interessa..). Ecco chi manda un messaggio (fugace timido modo per trovare un contatto). Ecco lo sguardo (di chi ti ammira..). Ecco un sorriso (di chi gli si allieta il cuore al solo vederti). Cose piccole che navigano nella penombra ondeggiando leggere più dell'aria ci circondano e spesso non si vedono... ma ricorda CI SONO. E sai TU.. chiunque sia.. a chi rivolgerti.. trova in te il coraggio... oltrepassa i deserti... vinci il più grande ostacolo (TE STESSO).. e raggiungilo.
    Ciao Blu ^_^

    RispondiElimina
  4. 06 Settembre 2010 - 21:00

    @Mr.Loto: Grazie della tua presenza tra queste pagine... Nella vita ci si trova ad affrontare diverse situazioni, a volte ricche di gioia e vivacità...altre piene di rabbia e malumore... e altre volte in cui si sente il bisogno di fermarsi, sedersi a pensare per mettere un po’ di ordine ai pensieri per poi alzarsi e andare avanti ad affrontare qualunque cosa è lì ad attenderci.

    @Marril: Caro amicozzo... cosa aggiungere alle tue parole? Hai sfruttato l’onda di una sensazione per regalarmi uno dei tuoi bei pensieri. Grazie! Ti abbraccio

    RispondiElimina